Clarios dona 25.000 dollari ad #aiutiAMObrescia

25mila dollari – circa 23mila euro – giungono dagli Stati Uniti, precisamente da Milwaukee, Wisconsin. Clarios – conosciuta in Italia soprattutto per la produzione delle celebri batterie Varta – ha stanziato 350mila dollari al fine di supportare alcune realtà impegnate, in diverse parti del mondo, nella lotta contro il Coronavirus.

«I primi 100mila dollari – evidenzia Cinzia Vancheri, responsabile logistica e servizio clienti – sono stati destinati all’Unicef, per assicurare ai bambini e alle loro famiglie aiuti al fine di ridurre l’impatto della crisi. I restanti 250mila sono invece stati indirizzati a organizzazioni nei paesi in cui Clarios è presente: Stati Uniti, Europa (specialmente Italia e Spagna), Cina e America Latina».

I primi a muoversi sono stati i dipendenti che, autonomamente, hanno deciso di effettuare donazioni a favore di #aiutiAMObrescia. L’azienda, venuta a conoscenza della situazione lombarda (essendo presente a Brescia e anche nei pressi di Codogno), ha poi deciso di istituzionalizzare gli interventi economici, garantendo a Brescia l’importante contributo.

«Condividiamo totalmente i propositi di Unicef» spiega l’azienda. «Desideriamo infatti migliorare le condizioni di donne incinta e bambini, attraverso una migliore assistenza sanitaria, la fornitura di cibo e un accesso più diffuso all’istruzione. Negli USA, Brasile, Colombia e Messico l’impegno è stato a favore di centinaia di banchi alimentari. Abbiamo inviato in Cina numerosi aiuti medicali, mentre il nostro aiuto per l’Italia è stato destinato alla raccolta promossa da Fondazione Comunità Bresciana e Giornale di Brescia».

«Il nostro proposito – commenta John Barkhouse, CEO e Presidente di Clarios – è quello di cercare soluzioni che possano migliorare il profondo impatto che possiamo avere nei confronti di tutti coloro che chiamano il nostro pianeta “casa”».

Comincia a scrivere e premi Invio per cercare