Bando Emblematici Provinciali 2019: quattro progetti per 340.000€

Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità Bresciana dal 2005 lanciano un’iniziativa congiunta: la provincia di Brescia avrà a disposizione contributi mirati a sostenere progetti definiti “Emblematici Provinciali”: iniziative di particolare rilevanza per il nostro territorio. Fondazione Cariplo punta infatti sull’importante ruolo di antenna sul territorio svolto da Fondazione Comunità Bresciana per individuare, selezionare e sostenere progetti significativi.

Gli Emblematici Provinciali sono progetti in grado di produrre un impatto significativo sulla qualità della vita della comunità e sulla promozione dello sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio. Fondazione Cariplo – avvalendosi del supporto e delle competenze delle Fondazioni di Comunità per la promozione e la diffusione dell’iniziativa, l’assistenza agli enti interessati e la candidatura di progetti – ha stanziato per la provincia di Brescia la somma di €400.000 per progetti particolarmente rappresentativi e che abbiano caratteristiche di emblematicità secondo il principio di sussidiarietà.

Gli enti selezionati – Croce Rossa Italiana Comitato di Brescia, Associazione Comunità Mamrè, Associazione Amici di Coccaveglie e Parrocchia Visitazione di Maria Vergine in Bagnolo Mella – riceveranno un contributo complessivo di €340.000.

Ammontano quindi a 8 milioni e 340 mila Euro i contributi erogati sul Bando Emblematici Provinciali dal 2005 al 2019.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO DI BRESCIA

“UNA CASA PER CRI”

Contributo: €100.000

Croce Rossa Italiana opera sul territorio di Brescia da oltre 150 anni e oggi, grazie al lavoro di circa 400 volontari, interviene quotidianamente nel capoluogo di Provincia, in 53 comuni limitrofi, in Italia e nel mondo in caso di emergenze sanitarie e di protezione civile; per l’inclusione sociale di persone anziane, con disabilità, minori e migranti; formando la popolazione in ambito socio-sanitario e promuovendo il Diritto Internazionale Umanitario e i Valori Umanitari tra la popolazione e le Forze Armate. Sin dalla sua fondazione nel 1865, il Comitato di Brescia ha cambiato innumerevoli sedi, potendo contare sulla generosità di amministrazioni ed istituzioni; senza tuttavia poter mai arrivare ad una collocazione definitiva in un edificio pienamente rispondente alle necessità operative. Dopo oltre 150 anni di attività, la costruzione di una sede per la Croce Rossa Italiana bresciana è finalmente realtà e, grazie a questo contributo, la nuova dimora di Croce Rossa includerà un magazzino per la raccolta e la conservazione dei viveri destinati ai più bisognosi; una saletta per gli incontri conoscitivi con migranti e persone in cerca di aiuto; un garage con zona di sanificazione per le ambulanze attive 24 ore su 24, e una sala multifunzionale per l’accoglienza di formazioni interne, eventi pubblici e della popolazione in caso di emergenza sociale e calamità.

Una Casa per tutti i volontari, il fulcro della rappresentanza istituzionale e del coordinamento delle azioni di Croce Rossa sul territorio bresciano, ma anche un punto di riferimento per tutte le persone che avranno bisogno del nostro supporto.

ASSOCIAZIONE COMUNITÀ MAMRÈ

“CASA KATY”

Contributo: €80.000

Il progetto Casa Katy nasce dalla necessità di Comunità Mamrè Onlus di offrire alle persone con disabilità inserite all’interno dei propri servizi la possibilità di trascorrere alcuni giorni, che possono ripetersi nel corso dell’anno, all’interno di un ambiente che favorisca lo svago, la “villeggiatura” e, al tempo stesso, la sperimentazione e la costruzione di capacità pratico-operative e di competenze emotive e relazionali.

A questo bisogno si aggiunge, inoltre, la necessità per l’Ente di disporre di uno spazio “protetto” per quelle famiglie che necessitano di poter essere sostenute nel ricostruire rapporti e legami.

Da ultimo si evidenzia il bisogno dell’Ente di disporre di un luogo all’interno del quale permettere ai minori accolti nelle proprie comunità educative di sperimentare opportunità normalizzanti ed esperienze di vita con amici. La possibilità di rispondere a queste istanze si è concretizzata grazie alla disponibilità di una casa sita a Clusane d’Iseo che, in seguito ad un adeguato intervento di ristrutturazione, ben si presterà a questo progetto.

Un immobile che, oltre ad essere ubicato in una posizione incantevole (su un colle e con vista sul lago d’Iseo) e a disporre di una metratura interessante, porta con sé una storia di amore e di condivisione significativa.

L’immobile, infatti, era stato acquistato da una coppia olandese che, dopo aver viaggiato in tutto il mondo, aveva deciso di godersi il periodo della vecchiaia proprio a Clusane d’Iseo. In seguito alla morte del marito la signora Katy si era avvicinata ad alcune delle consacrate componenti la comunità femminile ed attive nei servizi gestiti da Comunità Mamrè. Alla sua morte la Comunità Mamrè ha ricevuto in eredità l’immobile, che ha deciso di destinare al progetto “Casa Katy”.

ASSOCIAZIONE AMICI DI COCCA VEGLIE

“CLER PER L’AMBIENTE”

Contributo: €80.000

L’Associazione Amici di Cocca Veglie opera da anni sul territorio bresciano promuovendo esperienze di accoglienza e di incontro tra giovani. Il progetto presentato prevede la salvaguardia e lo sviluppo di un’area in località Cler nel comune di Capovalle, dove in estate vengono svolti regolarmente campi per ragazzi scout in tenda. L’intento è quello di realizzare opere al fine di rendere fruibile il luogo in tutte le stagioni dell’anno. La ristrutturazione di un rustico esistente, la continua attenzione per il mantenimento e la salvaguardia del bosco e dei prati permetteranno che questo luogo possa diventare fruibile da un numero maggiore di persone. L’implementazione dell’offerta di utilizzo renderà la gestione di questi spazi più sostenibile dal punto di vista economico, sociale ed ambientale.

L’Associazione ha già stabilito una convenzione con il Comune di Capovalle per mettere a disposizione la futura struttura, i prati e i boschi per attività didattiche scolastiche. Il lavoro in sinergia con l’Amministrazione e gli abitanti potranno promuovere un’accoglienza continuativa di bambini, giovani ed adulti durante tutto l’arco dell’anno. In questo modo si renderanno concrete occasioni di incontro per promuovere una continua attenzione al territorio.

PARROCCHIA VISITAZIONE DI MARIA VERGINE IN BAGNOLO MELLA

“IL RESTAURO DEL SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA STELLA”

Contributo: €80.000

Da oltre cinquecento anni il Santuario della Stella di Bagnolo Mella riveste per la comunità locale il ruolo di centro non solo di devozione, ma anche di aggregazione sociale, sotto la protezione della Beata Vergine Maria. La popolazione di Bagnolo e le associazioni locali fanno molto riferimento a questo ambiente e al parco annesso.

La celebrazione delle prossime Feste Quinquennali nell’estate 2020 ha sollecitato la parrocchia nell’impegno per il suo restauro, affinché in occasione di questo particolare anniversario possa mostrarsi ai pellegrini in tutto il suo splendore. Soprattutto l’intervento sui tetti si è reso particolarmente necessario a seguito dei danni inferti alle strutture da alcuni eventi temporaleschi. Recuperare il Santuario significa per la comunità bagnolese anche farlo vivere.

Durante le prossime Feste Quinquiennali verrà poi sviluppato un programma di approfondimenti che valorizzi questo spazio come luogo di promozione umana e culturale attraverso diversi ambiti: storico-artistico, teologico, sociale e ambientale.

Guarda il servizio di TELETUTTO

Leggi gli articoli del Giornale di Brescia e del Bresciaoggi

Comincia a scrivere e premi Invio per cercare