Eventi

Presentazione Progetti Emblematici Provinciali 2017

Fondazione della Comunità Bresciana, insieme a Fondazione Cariplo, propone dal 2006 i Bandi Emblematici Provinciali. In questi 12 anni ne sono state pubblicate 11 edizioni e conseguentemente sono stati finanziati 55 progetti su 172 presentati.

Nel 2017 sono pervenuti 16 progetti di cui ne sono stati finanziati 5 per un totale di € 475.000,00. Tra questi:

  • Coop. Soc. CAUTO Cartiere Autolimitazione:

    • Titolo Progetto: MANI IN PIASTRA- Realizzaizone di un insediamento multifunzionale a favore di CAUTO e dei cittadini.

    • Descrizione: Realizzazione Polo Logistico per Coop. Cauto con apertura Sportello dedicato ad Associazioni del territorio e allestimento di un parco tematico a esposizioni e laboratori didattici di Educazione Ambientale. L'obiettivo è quello di creare benessere sociale ed economico dei cittadini attraverso l'inclusione al lavoro di persone con disagio, aggiungere un valore ambientale attraverso il recupero di un'ex discarica con modalità di costruzione ecosostenibile e di creare uno sviluppo di comunità coese, solidali e sostenibili creando un luogo d'incontro tra il terzo settore e la comunità.

  • Fondazione Bobo Archetti:

    • Titolo Progetto: Un rifugio e un bosco per tutti.

    • Descrizione: Infrastrutturazione del rifugio della Valle di Mompiano come punto avanzato di Protezione Civile, soccorso e presidio della Valle, sede di attività di educazione ambientale e come punto di accesso ai sentieri della zona

  • Fondazione Lucchini:

    • Titolo Progetto: Casa Emilia Lucchini

    • Descrizione: Trasformazione di una villa residenziale in minialloggi per accogliere famiglie con minori in cura presso il centro di oncoematologia pediatrica del'Ospedale Civile di Brescia, in collaborazione con AIL Brescia

  • Fondazione del Teatro Grande di Brescia:

    • Titolo Progetto: Grande Comunità. La musica come infrastruttura sociale.

    • Descrizione: Creazione di una rete informale di soggetti pubblici e privati per la diffusione di Cultura e Arte attraverso concerti, recital operistici e incontri nei luoghi della cura, della solidarietà e del disagio. Gli obiettivi del progetto sono quelli di diffondere la bellezza e la gioia della musica nei luighi cittadini della cura, della solidarietà e del disagio sociale, fisico e psichico attraverso la creazione di una rete informale diffusa di soggetti pubblici e privatipromossa e coordinata dalla Fondazione del Teatro Grande che diventi permanente e strutturata e di incentivare e facilitare la partecipazione e l'inclusione sociale incrementando le proposte musicali e migliorando l'accessibilità e la fruizione della musica da parte di "soggetti svantaggiati" presso il Teatro Grande al fine di creare felicità condivise e comunità più coese.

  • Kayak Canoa Club:

    • Titolo Progetto: Water Circle

    • Descrizione: Realizzazione di attività che favoriscano l'avvicinamento alla pratica sportiva come strumento per il superamento delle difficoltà della vita, con particolare attenzione ai giovani. Rifunzionalizzazione della sede del Kayak Canoa Club Palazzolo al fine di renderlo un luogo accessibile per la pratica kayak/canoa a norma anche per atleti con disabilità.

Rassegna stampa

Articolo Bresciaoggi 09.02.2018

Articolo Giornale di Brescia 09.02.2018

Progetto Water Circle

Giovedì 18 Gennaio 2018 presso la Fondazione Comunità Bresciana si è svolta una conferenza stampa per presentare il progetto finanziato da Fondazione Cariplo attraverso il Bando Emblematici Provinciali 2017 promosso da FCB a sostegno delle attività di valorizzazione sul territorio.

Water Circle nasce per massimizzare le potenzialità del Kayak Club di Palazzolo sull'Oglio ridisegnandone gli ambiti esterni ed interni per renderlo perfettamente fruibile ad atleti agonisti e amatoriali, normodotati e diversamente abili. Un centro all'avanguardia, un polo di riferimento, un luogo di richiamo e incontro per la comunità. Il nome del progetto è dedicato ai piccoli cambiamenti che sono in grado di avere grandi impatti sull'ambiente circostante. Come una goccia che, cadendo nell'acqua, genera un cerchio che si propaga verso l'esterno conservando la sua forma iniziale, allo stesso modo, un progetto di valorizzazione funzionale e architettonica può generare un eco positivo crescente, con valenza sociale e culturale dal territorio vicino e ben oltre.

Il progetto è nato per porre rimedio alle attuali carenze strutturali e di servizi del Club, in particolare:

  • difficoltà di accesso per disabili;
  • servizi igienici e spogliatoi inadeguati (sia per normodotati che per disabili).

A ciò si aggiunge la necessità emersa di razionalizzare gli spazi esistenti e ottimizzarne l'utilizzo, il tutto tenendo conto di una posizione privilegiata e ricca di potenzialità inespresse: il KCCP ha una sede direttamente affacciata sul fiume che lo rende il luogo ideale per diventare sede di raduni e potenziale campo di allenamento federale.

Obiettivo primario del progetto è rendere la sede del KCCP un luogo fruibile da tutti (persone disabili e normodotate) in modo da favorire la pratica del kayak/canoa in un contesto di eccellenza rappresentato dal campo di allenamento del fiume Oglio, rendendo anche il KCCP un punto di riferimento per la canoa e la paracanoa italiana, abbattendo le barriere architettoniche presenti e utilizzato come mezzo per diffondere l'importanza della pratica sportiva tra i giovani come strumento per il superamento di ogni difficoltà. Nello specifico gli obiettivi sono quelli di:

  • Comunicare ai giovani che lo sport è uno strumento efficiente per il superamento di difficoltà esistenziali
  • Diffondere la cultura dello sport come strumento per affrontare e superare le difficoltà che la vita presenta
  • Regolamentare la pratica del kayak e della canoa sul tratto di fiume Oglio interessato dal progetto
  • Rendere in KCCP una realtà di eccellenza (all'interno della provincia bresciana e non solo) per la pratic adel kayak /canoa e per la paracanoa
  • Promuovere all'esterno un punto di eccellenza della provincia bresciana
  • Creare (o incentivare) sinergie con l'amministrazione comunale di Palazzolo sull'Oglio
  • Valorizzare ulteriormente il patrimonio architettonico/culturale cittadino
  • Favorire la pratica sportiva tra i giovani (indipendentemente dalla loro condizione)
  • Favorire lo sviluppo di una comunità solidale e coesa, legata dal valore del centro sportivo che rappresenterà un'eccellenza
  • Favorire la crescita personale dei giovani coinvolti nel progetto

Il progetto ha visto come madrina d'eccezione l'atleta paralimpica di kayak Veronica Yoko Plebani, che si è impegnata in prima persona per rednere possibile l'iniziativa di ristrutturqaizone del Club che ha visto il suo esordio sportivo in kayak. Inoltre alla conferenza stampa erano presenti anche Antonio Rossi, Assessore allo Sport e Politiche per i giovani Regione Lombardia e Luciano Bonfiglio, Presidente della Federazione Italiana Canoa Kayak.