Eventi

Fondo per il sostegno all'infanzia Vincenzo ed Itala Visenzi

copertinaGiovedì 18 febbraio 2016 presso la sede della Fondazione della Comunità Bresciana si è svolto un incontro per presentare alla comunità l'attività svolta dal 2002 ad oggi da parte del Fondo per il sostegno all'infanzia Vicenzo ed Itala Visenzi, primo fondo patrimoniale costituito presso Fondazione della Comunità Bresciana.

In tredici anni il Fondo per il sostegno all'infanzia Vincenzo e Itala Visenzi, per il tramite della sezione corrente del Fondo, ha finanziato n. 965 progetti, erogando contributi per Euro 1.144.129,00 e il suo patrimonio iniziale di € 776.000,00 al 31.12.2015 ammonta ad Euro 1.640.000,00. ( … il fondo in cifre! … )

In tale occasione, altresì, è stato presentato un nuovo progetto sociale rivolto ai minori che sarà grazie al contributo del Fondo Visenzi.

All'evento, oltre ai Rappresentanti della Fondazione ed ai Donatori del Fondo, sono intervenuti :

  • Elena Moretti Presidente Associazione Piccoli Passi – che ha presentato il progetto "Costruiamo legami: una tessitura a più mai"
  • Lucreazia NirchioDirettore Ufficio Servizio Sociale Minorenni Dipartimento Giustizia Minorile – che ha presentato il progetto "Il Dopo è adesso"
  • Monica AmadiniRicercatore in Pedagogia Università Cattolica del Sacro Cuore – Brescia
  • Paolo TartaglioneVice Presidente della Coop. Soc. Arimo (Milano) e Pedagogista e counselor famigliare
  • Gian Paolo BarbettaProfessore di polita economica Università Cattolica del Sacro Cuore (Milano) e Responsabile Osservatorio e Valutazione di Fondazione Cariplo.

Rassegna stampa: Giornale di Brescia 19.02.2016  e  Bresciaoggi 19.02.2016

Progetto " Sogno di Natale" – Fondo Rotary per la Comunità

 

nataleIl Rotary Club Valle Sabbia Centenario, con Apindustria Brescia,  Associazione Industriale Bresciana, CNA Brescia,  Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e FAI, con la collaborazione della Fondazione della Comunità Bresciana Onlus per il tramite del Fondo Rotary per la Comunità, e con il patrocinio degli Spedali Civili di Brescia, ha organizzato una grande serata benefica venerdì 18 Dicembre 2015 presso “Brend”- Brescia con la finalità di raccogliere fondi per l'acquisto di un ecografo 3D da destinare all'Ospedale dei bambini.

Il progetto Sogno di Natale, grazie anche alla collaborazione di numerose associazioni di categoria ed aziende bresciana, ha arccolto più di 100 mila euro in circa due mesi raggiugendo così l'obiettivo di raccolta e donando al Reparto di Radiologia Pediatrica degli Spedali Civili di Brescia un macchinario che migliorerà sensibilmente il servizio offerto ai piccoli pazienti.

Rassegna stampa: Giornale di Brescia e Bresciaoggi – Dicembre 2015

Progetto Dignicap – ESA e Fondazione della Comunità Bresciana

Martedì 10 novembre 2015, presso la sede della Fondazione della Comunità Bresciana, è stato presentato il progetto DIGNICAP – un'importante iniziativa realizzata da Educazione della Salute attiva – anche grazie al sostegno della Fondazione della Comunità Bresciana.

All'incontro hanno presenziato la Vice Presidente della Fondazione Pia Cittadini e la Presidente di ESA Nini Ferrari.

La Vice Presidente Pia Cittadini, in rappresentanza degli Organi della Fondazioni, ha dichiarato:

" Oggi, sono particolarmente onorata, come donna ma anche come Vice Presidente della Fondazione della Comunità Bresciana di  presentare unitamente all’associazione ESA l’importante progetto DIGNICAP.

ESA, da sempre attiva nella prevenzione del tumore al seno, quest’anno ha deciso di dotare le due principali Aziende Ospedaliere della città di due macchinari che saranno utilizzati durante i cicli di chemioterapia, per evitare o almeno limitare la caduta dei capelli della malata.

Fondazione della Comunità Bresciana, da sempre in prima linea per sostenere e rispondere concretamente alle diverse esigenze emergenti dal territorio bresciano, ha apprezzato e condiviso immediatamente le motivazioni e le finalità di questa lodevole iniziativa, ritenendola di forte impatto sociale poiché migliorerà sensibilmente la qualità della vita dei malati oncologici, ed in modo particolare delle donne, permettendo loro di affrontare più dignitosamente e con serenità il già difficile percorso della terapia chemioterapica.

Considerata l’importanza del progetto di ESA e la ricaduta che avrà tale iniziativa nell’ottica di perseguire altresì le finalità dalla mission della Fondazione della Comunità Bresciana, il Consiglio di Amministrazione, oggi qui rappresentato da alcune Consigliere della Fondazione particolarmente sensibili alla tematica, ha voluto quindi concretizzare la sua piena condivisione e tangibile sostegno dell’iniziativa stanziando un importante contributo, che verrà  incrementato anche da risorse provenienti direttamente dal Fondo Bruno e Marisa Marniga e dal Fondo Carlo e Camilla Pasini – fondi istituiti presso la Fondazione.

Fondazione della Comunità Bresciana, con il suo appoggio, ha inteso pertanto ribadire il costante supporto alle organizzazioni bresciane che operano per il bene comune non solo attraverso lo strumento del bando – nostra ordinaria linea erogativa che per il 2015 ha visto un impegno di oltre 2.500.000,00 di euro –  ma anche alla creazione di alleanze dirette e specifiche laddove i si ritiene che le stesse siano rilevanti e necessarie per il nostro territorio."

La Presidente di Esa Nini Ferrari ha invece spiegato l'importanza e la funzionalità del Progetto DIGNICAP– un macchinario che eviterà, o limiterà, la perdita dei capelli durante la chemioteria. Il progetto prevede l'acquisto di un macchinario da donare agli Spedali Civli di Brescia e uno in noleggio da destinare alla Fondazione Poliambulanza.

Rassegna stampa: Giornale di Brescia e Bresciaoggi 11.11.2015

Fondo Marginalità

Giovedì 21 maggio 2015 presso la sede della Fondazione della Comunità Bresciana si è svolto un incontro per presentare alla comunità l'attività svolta da parte del Fondo Marginalità, fondo patrimoniale costituito presso Fondazione della Comunità Bresciana.

In tale occasione sono stati presentati tutti i dati e le attività realizzate nei primi due anni del Fondo Marginalità dalla sua costituzione e nello specifico sono stati finanziati n. 72 casi con erogazioni totali di € 34.090,00 … ( .. il fondo in cifre… )

All'evento sono intervenuti :

  • Giuliana Bertoldi Consigliere di Amministrazione della Fondazione
  • Orietta FilippiniFondazione della Comunità Bresciana
  • Piero ZanelliPresidente Coop. Soc. Il Calabrone
  • Elisabetta DonatiDocente a contratto in Sociologia della famiglia – Univ. degli Studi di Torino
  • Antonio Moro – Resp. di servizio contrasto della povertà e promozione al lavoro del Comune di Brescia
  • Marcello ZaneGiornalista

Rassegna stampa: Giornale di Brescia e Bresciaoggi 22.05.2015

marginalità

Fondo Rotary per la Comunità

I Rotary Bresciani con Fondazione della Comunità Bresciana a sostegno del Progetto “ambulatori ad alta specialità” della Clinica Ostetrica degli Spedali Civili di Brescia

Mercoledì 27 marzo 2013 c'è stato l' incontro con il Direttore Generale f.f., Dr.a Ermanna Derelli, per la consegna del contributo di Euro 50.000 destinati all’acquisto di un ecografo all’avanguardia.

Il Rotary è un'organizzazione internazionale di imprenditori, dirigenti e professionisti che partecipano a iniziative umanitarie promuovendo la  comprensione, la tolleranza e la pace nel mondo. Salute, fame e sostegno delle persone in stato di bisogno sono punti centrali per il servizio del Rotary. Il Rotary è presente oggi in oltre 200 Paesi e conta circa 1,2 milioni membri, appartenenti ad oltre 32.000 club, fra questi ve ne sono dodici nella provincia di Brescia che hanno voluto condividere il Progetto " Ambulatori ad alta specialità” della Clinica Ostetrica degli Spedali Civili di Brescia " unitamente alla Fondazione della Comunità Bresciana.

Si tratta dei seguenti Rotary Club:

–       Rotary Club Brescia

–       Rotary Club Brescia Castello

–       Rotary Club Brescia Est

–       Rotary Club Brescia Franciacorta Oglio

–       Rotary Club Brescia Musei Mille Miglia

–       Rotary Club Brescia Nord

–       Rotary Club Brescia Ovest

–       Rotary Club Brescia Sud Est Montichiari

–       Rotary Club Brescia Vittoria Alata

–       Rotary Club Salò e Desenzano

–       Rotary Club Valle Sabbia Centenario

–       Rotary Club Val Trompia

Il costo del progetto di € 90.000,00 è stato coperto nei seguenti termini:

€ 50.000,00 dai 12 Rotary Club Bresciani e da Fondazione della Comunità Bresciana;

€ 40.000,00 da Spedali Civili di Brescia attraverso altre disponibilità derivanti da un lascito    dell’Ostetrica Sig.ra Pierina Migliorati ( € 30.000,00) e da una donazione dell’Ass. A.GE. MO 18 Italia Onlus ( € 10.000,00)

Il Progetto di miglioramento della qualità dell’assistenza.La gravidanza frequentemente presenta patologie della madre che mettono a rischio la salute del feto o patologie congenite del feto stesso.Queste situazioni, spesso determinano anche un impatto psico-emotivo sulla madre e la coppia genitoriale, con il rischio di compromettere l'equilibrio della famiglia.L'esame ecografico richiede da parte degli operatori competenza, esperienza e aggiornamento continuo, ma necessita di disporre di apparecchiature sempre più adeguate.La medicina dell'Ostetricia ha il compito di prendersi cura di questi casi con i mezzi tecnologici più avanzati; in quant'ambito la diagnostica prenatale delle patologie fetali, l'accurato monitoraggio della loro evoluzione, così come la programmazione degli eventuali interventi prima o dopo la nascita, assumono sempre più importanza.L'osservazione e lo studio del feto avvengono fondamentalmente tramite l'ecografia che, grazie ai progressi raggiunti, permette diagnosi sempre più sofisticate, accurate e complete e supporta inoltre gli interventi di terapia in utero.Metter in grado i medici di operare con i mezzi più adeguati, ha un decisivo ed immediato impatto sulla salute materno-fetale e su quella delle famiglie interessate.

La Clinica Ostetrica, ha  la funzione di Struttura di 2° e 3° livello per le patologie e le problematiche materno-fetali, per cui di fatto è centro di riferimento per tutti gli Ospedali della città, della provincia ed anche extraregione.

L'attività svolta nella UO di Ostetricia e Ginecologia nel 2011 è:

3642 Pazienti ostetriche ricoverate in regime ordinario
170    Pazienti ostetriche ricoverate in regime di Day Hospital:
4331 Attività ambulatoriale di Ostetricia ad alta specialità:                                   

La nuova apparecchiatura

L'Ecografo Digitale Voluson E8 BT12230V/50HZ" è stato acquistato grazie alla generosità di donatori che a diverso titolo operano sul territorio

Rappresenta la migliore tecnologia attualmente disponibile poiché è una piattaforma completamente digitale e avanzata che rappresenta il nuovo segmento nelle prestazioni ecografiche, sia per la sua nuova generazione integrata di qualità di immagine, sia per gli innovativi strumenti diagnostici dedicati al Volume Ultrasound. Presentazione Progetto FCB/Rotary Club – Giornale di Brescia 27 marzo 2013

Fondo Antonio e Luigi Goi

Il Fondo Antonio e Luigi Goi è finalizzato al sostegno delle più varie esisgenze a favore di soggetti diversamente abili ma, fra le diverse iniziative possibili, ha privilegiato l'erogazione di Premi di Laurea per studenti universitari iscritti presso le Università italiane che presentano situazioni di disabilità.

Nel corso del 2012 questa importante iniziativa ha raggiunto la VII edizione ed ha visto l'assegnazione da parte dell'Università degli Studi di Brescia dei Premi di Laurea, assegnati a quattro studenti diabili per un importo totale di Euro 10.000,00 (risorse provenienti dalla sezione corrente del Fondo Antonio e Luigi Goi)

La premiazione è avvenuta all'interno del Convegno, organizzato dall'Università degli Studi di Brescia, in collaborazione con la Fondazione della Comunità Bresciana e il Fondo Antonio e Luigi Goi, sul tema " Incidentalità Stradale e disabilità Acquisita".

Rassegna stampa dell'evento – 25 ottobre 2012

 

Mostra Antonio Stagnoli – Museo Diocesano ( 4 /27 maggio 2012)

In occasione del decennale della Fondazione della Comunità Bresciana è stata realizzata la mostra "Antonio Stagnoli Uomini o no", dedicata al Maestro Antonio Stagnoli,  presso il Museo Diocesano di Brescia.

Tale iniziativa è stata promossa dal Museo Diocesano, dalla Fondazione, dal Comune di Bagolino e accompagnata da un catalogo arricchito da un interessante contributo di don Giuseppe Fusari.

Nell'esposizione è stato possibile ammirare le 26 oepre d'arte che il Maestro Antonio Stagnoli ha donato alla Fondazione della Comunità Bresciana per ricordare quanto sia importante il suo legame con Bagolino e la Valle Sabbia.

Locandina Mostra Antonio Stagnoli – maggio 2012

Rassegna Stampa Mostra Antonio Stagnoli

Progetti Emblematici Minori di Fondazione Cariplo

Dal 2005 al 2011 Fondazione Cariplo ha stanziato, a valere sulla predetta linea di finanziamento, per la provincia di Brescia l'importo complessivo di 5 milioni di Euro.

Il bando per questi interventi si riferiva a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di Fondazione Cariplo che per la loro dimensione erano in grado di favorire un processo di pianificazione strategica territoriale. La candidatura da parte degli Enti non profit doveva rispondere ai requisiti di esemplarità per il territorio, di sussidiarietà e di significatività del valore filantropico e rivestire idonee dimensioni atte a generare un positivo ed elevato impatto sulla qualità della vita e della promozione dello sviluppo culturale, economico e sociale.

Potevano essere ammessi a contributo, in questo ambito, progetti ed interventi coerenti con gli indirizzi delle aree filantropiche strategiche di Fondazione Cariplo ( Ambiente, Arte e Cultura, Servizia alla persona e Ricerca Scientifica).

Elenco dei Progetti Emblematici Minori 2005/2011